Testa di Turco

testa-di-turco

La testa di Turco è più di un dolce. È una storia. il racconto di una paura talmente profonda da essere tramandata come bagaglio genetico insieme alla conformazione delle ossa e alla composizione del sangue. Davide contro Golia. Mamma li turchi e l'onore ferito. Un diritto alla conservazione della specie ed alcuni esecrabile pregiudizi razziali. Tutto insieme, concentrato in un solo boccone in un meraviglioso scacco al re. Perché i siciliani si sa sono gente che non dimentica a loro non basta vincere preferiscono trionfare, assaporando il morbido gusto del successo farcito di golosa crema ed elegantemente adagiato sopra un piatto d'argento per celebrare la propria vittoria con la creazione di un dolce straordinario. La testa di Turco è un dolce di origine carnevalesca che si prepara a Scicli, nel ragusano, ed a Castelbuono in provincia di Palermo con ricette diverse ma con il comune obiettivo di celebrare la cacciata dei Saraceni nell'isola e la fine dell'incubo turco. Il dolce ragusano è un suggestivo bignè a forma di turbante, ripieno di ricotta o crema pasticcera che viene consumato soprattutto della festa della Madonna delle milizie. La testa di Turco madonita è invece, un dolce al cucchiaio, composto da una crema di latte aromatizzata con cannella e scorza di limone, arricchito da una croccante sfoglia fritta in occasione della festa dell'Immacolata si svolge nel comune di Castelbuono la sagra della testa di Turco. 

Latte di capra, amido, zucchero, buccia di limone biologico, cannella, sfoglia croccante, farina, olio di oliva, diavolicchi di zucchero colorati.

Sei interessato all'olio di oliva? Contattaci

Contattaci, ti risponderemo al più presto

Accetto le condizioni di trattamento dei dati del presente sito web
It